Battle of the Diamond Superfighter (15 Luglio) – Tailandia

0
1429
Mentre l’attenzione in Europa è stata catalizzata dallo scontro dei sogni tra le superstar Giorgio Petrosyan e Chingiz Allazov (qui il VIDEO in buona qualità), in Thailandia si e’ registrato un grande riscontro di interesse per una sfida tra due baby Super Stars completamente diversa.
Infatti lo scontro in questione e’ stato tra  2 bambini di grande talento. Non possiamo trovare nessun altro termine che ‘bambini’ per riferirci a giovani nak muay che non raggiungono la corda superiore in altezza e che hanno combattuto 5 round in una promozione di rilievo per una consistente scommessa di 600.000 THB (~ 20.000 usd).
La domanda principale che vorremmo porre ai nostri lettori è, lasciando da parte le filosofie un tanto al chilo della “cultura della muay thai”, “tradizione” o altre sciocchezze, se è una buona idea per l’immagine e la credibilità della muay thai fatta in Thailandia, dare tale visibilità a un incontro che per molti può essere visto solo come lo sfruttamento di minori, mettendo la salute degli stessi in pericolo per riempire la tasche degli adulti?
Qui non stiamo parlando di pugili adulti che scelgono una carriera professionale, né di un incontro amatoriale ed amichevole tra due bambini per l’amore di questo sport.
Abbiamo appena assistito a due minori spinti su un ring sotto l’altissima pressione di adulti alla ricerca di um consistente guadagno.
Tutto cio’ accade nel 2018, con la muay thai che sta cercando di entrare nel programma olimpico.
Previous articleBellator Roma: Petrosyan batte Allazov
Next articleIl nuovo evento domenicale ‘8 Super Champ’
Emmanuele Corti: inizia a praticare la muay thai in giovane eta' a Trieste (Italia) cominciando a combattere sin da subito in gala prestigiosi assieme ai top thailandesi e astri nascenti quali i fratelli Petrosyan. Dopo un periodo di esperienze lavorative che lo portano all'estero, approda in Thailandia a titolo definitivo nel tardo 2011 coronando il sogno della sua vita, cioe' quello di aprire un muay thai camp (Sitjemam). A partire da quell'anno segue attivamente la preparazione dei fighters del suo camp e a fine carriera agonistica ha rappresentato i colori del Muay Farang team in eventi di grande rilievo nel continente asiatico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here