La biondina Svedese che fa tremare le Thailandesi

0
565
Il giovane prodigio svedese della muay thai Smilla Sundell si trova in questo momento in una posizione alquanto insolita.
È abbastanza frequente vedere nakmuayying thailandesi costrette a ritirarsi dalla scena professionale in giovane eta’ (normalmente prima dei 25 anni) per mancanza di competizione.
Smilla Sundell, con circa 40 combattimenti all’attivo a 17 anni, avrà verosimilmente seri problemi nel trovare avversarie adeguate nelle regole della muay thai prima di compiere 18 anni.
Ha già infatti  eliminato facilmente la campionessa thailandese Pornpan al limite di 54 kg.
Muovendosi a 57 kg  ha poi dato un  grosso dispiacere a Sawsing (beniamina  del pubblico thailandese) ed è riuscita a pareggiare con Fahseethong al limite dei 58 kg.
Ricordiamo ai nostri lettori che Fahseethong di solito gareggia in categorie molte piu’ elevate avendo collezionato cinture mondiali anche a 65 e 67 kg contro valide avversarie.
Nel prossimo futuro Smilla stabilirà ragionevolmente il suo peso di combattimento a 57 kg, con un esiguo numero di possibili candidate che potrebbero darle qualche preoccupazione nelle regole della muay thai.
L’unica scelta plausibile sarebbe passare alla kickboxing dove potrebbe trovare alcune combattenti dall’Europa o dalla Cina, o più probabilmente provare a seguire le orme di Valentina Schevchenko e passare alle MMA.
Considerando che la giovane svedese sta sviluppando buone capacità di boxe, potrebbe anche essere possibile vederla tentare un passaggio alla boxe, dove molte donne provenienti dalla kickboxing prima di lei hanno raggiunto la celebrità come, una fra tutte, la leggendaria Lucia Rijker.
Vedremo cosa le riservera’ il futuro.
Previous articleUna storia di redenzione tutta Tailandese
Next articleGLORY IS BACK
Emmanuele Corti: inizia a praticare la muay thai in giovane eta' a Trieste (Italia) cominciando a combattere sin da subito in gala prestigiosi assieme ai top thailandesi e astri nascenti quali i fratelli Petrosyan. Dopo un periodo di esperienze lavorative che lo portano all'estero, approda in Thailandia a titolo definitivo nel tardo 2011 coronando il sogno della sua vita, cioe' quello di aprire un muay thai camp (Sitjemam). A partire da quell'anno segue attivamente la preparazione dei fighters del suo camp e a fine carriera agonistica ha rappresentato i colori del Muay Farang team in eventi di grande rilievo nel continente asiatico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here